Apr
19th
left
right

Perche alcuni giornalisti stanno migrando su Substack

Già a marzo, all’inizio della prima serrata, mi chiedevo cosa potesse fare utilmente un giornalista, accademico e blogger agli arresti domiciliari per tutta la durata della sua prigionia.

Il mio occhio è caduto sul blog, Memex 1.1, che è stata una presenza innocua sul web dalla metà degli anni ’90 e fonte di perplessità sia per i colleghi giornalisti che per quelli accademici. Gli hack condividevano all’unanimità il punto di vista del dottor Johnson secondo cui “Nessun uomo tranne uno stupido ha mai scritto tranne che per i soldi”, mentre i miei colleghi accademici hanno ritenuto peculiare sprecare le proprie energie scrivendo qualcosa che non figura negli indici delle citazioni accademiche. L’idea che si possa mantenere un blog semplicemente perché ci si diverte a farlo non è mai passata per la loro mente. Quindi eccolo lì, con un modesto numero di lettori, che di tanto in tanto aumentava poiché attirava una breve ondata di attenzione. Dato che molte persone sarebbero state rinchiuse come me, mi chiedevo se la regolarità di ricevere il blog come email ogni mattina potesse essere la benvenuta.

Il pensiero è venuto dall’osservare come il meraviglioso blog di Dave Winer, Scripting News, abbia attirato un pubblico ancora più ampio dopo averlo offerto come email quotidiana agli abbonati. Così ho iniziato a cercare un modo semplice per fare qualcosa di simile.

La soluzione ovvia sarebbe un servizio di mailing list come Mailchimp, ma sembrava un duro lavoro, quindi ho optato per Substack, che ha reso tutto molto semplice. Il mio blog sarebbe stato pubblicato e disponibile sul Web tutti i giorni come al solito, ma ogni sera la versione del giorno sarebbe stata accuratamente impacchettata in un’e-mail e consegnata alle 7 del mattino seguente a chiunque si fosse iscritto.

L’unico cambiamento che ho fatto è stato includere un diario audio giornaliero di cinque minuti, qualcosa che non avevo mai fatto prima. Era una cosa così ovvia da fare. Ma i risultati sono stati sorprendenti e spesso gratificanti. Due cose in particolare si sono distinte. Il primo è stato che il livello di “coinvolgimento” dei lettori (il Santo Graal dei capitalisti della sorveglianza) è aumentato drasticamente. Le persone leggevano la versione e-mail più intensamente rispetto alla sua controparte online: l’ho visto, perché Substack mi ha detto quali link erano stati più popolari; e hanno segnalato le loro reazioni “mettendo mi piace” alle cose o inviandomi direttamente un’e-mail, indicando errori o dando suggerimenti su come un particolare argomento potrebbe essere ampliato o esteso.

La sorpresa più grande, tuttavia, è stata quanto fosse popolare il diario audio: era costantemente il collegamento più cliccato. E lentamente, mi sono reso conto che l’audio sembra raggiungere parti della psiche umana che altri media non possono. Poiché l’email proveniva da un server di mailing list, i filtri antispam di alcuni abbonati occasionalmente la bloccavano e in diverse occasioni ho ricevuto e-mail allarmate da lettori che si chiedevano se avessi ceduto a Covid.

Avevo vagamente notato che Substack offriva un’opzione con un clic per passare da un abbonamento gratuito a uno a pagamento, ma poiché non ero interessato a far pagare i lettori, l’avevo ignorato. Ma Substack è diventato un affare molto più grande di quanto pensassi.

È stata fondata nel 2018 e sostenuta dalla grande società di capitale di rischio Andreessen Horowitz. A luglio di quest’anno c’erano circa 100.000 persone che pagavano varie somme per almeno una delle newsletter sui suoi libri. La sua improvvisa importanza può essere un presagio di cambiamenti significativi nei nostri media, poiché i tradizionali canali giornalistici diminuiscono e la maggior parte di quelli che prosperano online tendono ad essere guidati dal clickbait.

Detto questo, Substack offre una nuova opzione per i giornalisti.

Supponiamo di avere 1.000 abbonati a pagamento, ciascuno dei quali paga $ 5 al mese.

Si tratta di un reddito annuo di $ 60.000, meno il 10% riscosso da Substack. Quindi immagina di essere Glenn Greenwald, che ha 1,5 milioni di follower su Twitter e si è appena trasferito su Substack. Anche se solo una piccola parte di loro si iscrive, beh … fai i conti. Molti altri giornalisti e scrittori di spicco, ad esempio Andrew Sullivan e, hanno visto un modo per essere liberati dalle richieste dei gatekeeper editoriali o dei clickbait guidati dalla pubblicità mentre venivano pagati. “Se addebiti $ 10 al mese o $ 5 al mese o $ 50 all’anno, se riesci a convincere 1.000 o 2.000 persone a pagare per questo”, ha detto a Buzzfeed uno dei fondatori di Substack, “improvvisamente hai abbastanza per andare come individuo . ” Potrebbe non durare, ovviamente, in un mondo in cui sei bravo solo quanto il tuo ultimo concerto. Ma dannazione, anche Sam Johnson l’avrebbe approvato.



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *