Jul
18th
left
right

Lenti a contatto, Steroidi e Depressione

Lenti a contatto

Indossare lenti a contatto riutilizzabili quadruplica quasi il rischio di una grave infezione oculare che può persino causare cecità. Aumenta il rischio di cheratite da Acanthamoeba (AK), un batterio
infezione della cornea. Altri fattori di rischio includono indossare le lenti a contatto durante la notte e tenerle sotto la doccia.
L’AK può ridurre drasticamente la vista o addirittura causare cecità e, sebbene i casi siano in aumento, il 90% di essi è evitabile, affermano i ricercatori dell’University College London (Istituto di oftalmologia). Tuttavia, l’infezione è ancora molto rara e colpisce solo un portatore di lenti a contatto su 20.000.
I ricercatori hanno reclutato 205 pazienti dal Moorfields Eye Hospital di Londra, che includeva 83 con AK le cui storie cliniche sono state confrontate con quelle di 122 pazienti che avevano altri problemi agli occhi.
Le persone che usavano lenti a contatto morbide riutilizzabili, come quelle con un piano mensile, avevano un rischio 3,6 volte maggiore di sviluppare AK rispetto a chi sostituiva le lenti quotidianamente.
Fare la doccia mentre si indossano i contatti ha aumentato il rischio di 3,3 volte e indossarli durante la notte ha aumentato il rischio di 3,9 volte.
Anche l’esposizione a qualsiasi tipo di acqua, come vasche idromassaggio, piscine o laghi, aumenta il rischio.
Le persone che non indossano le lenti giornaliere possono ridurre il rischio di AK mantenendo buone abitudini igieniche, come lavarsi e asciugarsi le mani prima di toccare l’occhio per mettere o rimuovere le lenti. Anche i controlli regolari con un oculista sono importanti.
Oftalmologia, 2022; S0161-6420(22)00594-2

Depressione

Se ti senti improvvisamente depresso o stanco, potrebbe essere la prescrizione di steroidi che stai assumendo. I farmaci, comunemente prescritti per l’artrite, l’eczema e l’asma, modificano la struttura del cervello e aumentano il rischio di problemi di salute mentale.
I glucocorticoidi, una famiglia di steroidi che include cortisone e prednisone, presentano il rischio più elevato di innescare problemi mentali, affermano i ricercatori dell’Università di Leida nei Paesi Bassi. Hanno analizzato i registri di oltre 700 pazienti, di età compresa tra circa 60 anni, che prendevano steroidi. Usando le immagini della risonanza magnetica, hanno confrontato il cervello dei pazienti che assumevano steroidi con quello di circa 24.000 altri di età simile che non assumevano i farmaci. La materia bianca e grigia nel cervello di coloro che assumevano steroidi era fisicamente diversa da quella degli utenti non steroidei.
Tra i consumatori di steroidi, depressione, letargia e stanchezza sono comuni e i ricercatori ritengono che la capacità dei farmaci di modificare la struttura del cervello potrebbe essere responsabile. L’effetto è stato meno drammatico in coloro che assumevano steroidi per via inalatoria, con solo il 35% che lamentava stanchezza.
Anche la dose e la durata hanno avuto un ruolo. Il più piccolo effetto sulla materia cerebrale è stato osservato in coloro che assumevano glucocorticoidi per via inalatoria, mentre quelli che assumevano farmaci sistemici avevano maggiori cambiamenti nel cervello. L’effetto più drammatico è stato in coloro che hanno assunto farmaci sistemici per lungo tempo.
Gli steroidi sopprimono la risposta del sistema immunitario e sono regolarmente prescritti per condizioni infiammatorie. Studi precedenti hanno rilevato che le persone che assumono droghe hanno quasi sette volte più probabilità di tentare il suicidio e hanno molte più probabilità di soffrire di depressione, mania e delirio. I farmaci sono stati anche sospettati di aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e muscoloscheletriche.
Steroidi e Body Building? Leggi qui
BMJ Open, 2022; 12(8): e0052445



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *