Oct
17th
left
right

Curiosità 2

Chi tardi arriva, muore

I canguri, quando nascono, sono corpicini gelatinosi lunghi dai due ai quattro centimetri. Devono raggiungere il marsupio e la madre

non li aiuta: chi arriva tardi alla mammella, la trova occupata dal fratellino più forte è destinato a morire.

 

Perché “MACCHERONICO”?

Si chiama così il latino umoristico e deriva dall’aggettivo “maccheroneo”, usato per modi zotici e fogge d’abito grossolane. Da questo aggettivo, nel XV secolo, Michele di Bartolomeo Odasi trasse il titolo di “Maccheronea” per il suo poemetto allegro scritto in dialetto veneto, con strane desinenze latine.

Quand’è nata la bandiera?

È diventata di uso comune nel Medioevo, dapprima come insegna religiosa, poi militare. I soldati sparsi sul campo di battaglia, guardando ad essa potevano rendersi conto della propria posizione. Il tricolore italiano fu adottato per la prima volta nel 1796 nella Repubblica Cisalpina. Con il consenso di Napoleone, al blu del tricolore francese fu sostituito il verde, che significò per noi la speranza di libertà.

Chi ha inventato gli sci?

Il più antico inventore di un mezzo che impedisse di affondare nella neve fu un montanaro armeno: dovendo attraversare, 400 anni prima di Cristo, una lunga distesa nevosa, si legò ai piedi grossi sacchi ripieni di stracci. Un fatto è certo: lo sci non è nato nel Nord, ma vi fu importato dalle migrazioni uralo-altaiche più di 1.700 anni fa. In Italia gli sci furono introdotti nel 1896 dall’ingegnere Adolfo Kind, che a Bardonecchia diede dimostrazioni pratiche a un modesto gruppo di simpatizzanti della neve.

Chi colora il tramonto?

Quando il sole tramonta, la sua luce non arriva diritta al nostro occhio, ma deve attraversare un maggiore strato d’aria, con molta polvere e fumo. Queste sostanze assorbono una parte della luce bianca e respingono il resto. I corpuscoli sparsi nell’aria producono infinite combinazioni di colori: quelle appunto che noi vediamo al tramonto.



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *