Jul
29th
left
right

Expo 2015

La manifestazione denominata “Esposizione universale” fu un’intuizione del Principe Alberto, marito della Regina Vittoria e quella di Londra che venne organizzata nel 1851 al Crystal Palace in Hyde Park, è conosciuta anche come la Great Exhibition[1].

La seconda, nel 1889, fu l’Esposizione universale di Parigi[2], che venne accolta dalla Francia come una sfida per superare il grande successo della precedente manifestazione londinese.

Comunque fu l’Esposizione universale di Londra a divenire il riferimento per tutte le successive manifestazioni, perché influenzò aspetti della società come le arti, l’educazione, il commercio e le relazioni internazionali. Tuttavia per ridurre le spese dei Paesi partecipanti si scelse di organizzare le Expo maggiori solo una volta ogni cinque anni; questa volta l’organizzazione della manifestazione è toccata all’Italia.

Infatti oggi l’Expo 2015 è a Milano[3], (ufficialmente Esposizione Universale Milano 2015, Italia[4]); l’esposizione mondiale è programmata tra il 1º maggio e il 31 ottobre 2015 ed è organizzata dalla società  Expo 2015 S.p.A., costituita dal Governo Italiano, dalla Regione Lombardia, dalla Provincia di Milano, dal Comune di Milano e dalla Camera di commercio di Milano.

 

 

Nutrire il pianeta, energia per la vita” è il tema selezionato per l’odierna Esposizione Universale ed ha come obiettivo quello di evidenziare tutto ciò che, nel mondo, riguarda l’alimentazione, importantissima per la salute di ogni persona, dall’educazione alimentare alla grave mancanza di cibo che affligge molte zone del sud del mondo, alle tematiche legate agli OGM[5].

Expo Milano 2015 è un giro del mondo emozionate e pieno di sorprese, perché ogni Padiglione è un viaggio nella cultura, nei profumi, nei colori e nelle tradizioni di un popolo. Ogni nazione ha organizzato attrazioni e spettacoli dove architettura, design, sapori, natura e scienza si uniscono in un unico spazio per un’esperienza entusiasmante che lascia a bocca aperta.

Ci uniamo al discorso di apertura tenuto dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel quale, incitando tutti a trasformare la propria vita in un progetto dei propri sogni, ha affermato che la cultura è il desiderio di far scoppiare il cuore di passione e che già oggi, 1 maggio, inizia il domani; l’EXPO, spazio di libertà e momento di confronto, è compagnia per condividere un’emozione. E, con lui, condividiamo l’auspicio perché anche la politica possa cogliere quest’opportunità per dichiarare guerra alla povertà e che l’abbraccio con l’umanità intera sia veramente l’inizio per la “globalizzazione della solidarietà[6]”.

 


[1] Great Exhibition of the Works of Industry of all Nations.

[2] Per questa occasione fu costruita in poco più di due anni la torre Eiffel, il monumento più famoso di Parigi, conosciuta in tutto il mondo come simbolo della città stessa e della Francia.

[3] Milano fu già sede dell’Esposizione Internazionale del 1906 con tema “i trasporti”.

[4] World Exposition Milano 2015, Italy.

[5] Organismo Geneticamente Modificato.

[6] Papa Francesco nel viaggio in Corea del Sud (agosto 2014): “Nutro la speranza che la democrazia coreana continuerà a rafforzarsi e che questa nazione dimostrerà di primeggiare anche in quella globalizzazione della solidarietà che è oggi particolarmente necessaria”.



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *