Oct
24th
left
right

Intervista a Tarquinio il Superbo sulla sulla Repubblica Romana

2la: Dunque grazie di aver rilasciato questa intervista. Ai lettori ricordo che secondo la tradizione fu il settimo e ultimo re di Roma, che avrebbe regnato dal 535 al 509 a.C. Figlio o nipote del precedente, si sarebbe impadronito del trono dopo aver fatto uccidere Servio Tullio, di cui aveva sposato la figlia Tullia. Astuto e senza scrupoli, per ampliare il proprio dominio si servì più che delle armi, come contro i Volsci, di spregiudicati stratagemmi, come quelli escogitati per impadronirsi di Gabi (l’uccisione dei più influenti cittadini cui avrebbe alluso, tagliando i papaveri di un campo) e per assicurarsi la supremazia nell’ambito della Lega latina. Ma con i suoi metodi tirannici e oppressivi (scarsa considerazione per il senato, arbitraria amministrazione della giustizia, mantenimento di una guardia del corpo, imposizione di corvées) avrebbe suscitato sia tra i patrizi sia tra la plebe gravi malcontenti, sfociati infine in aperta ribellione per la violenza usata da suo figlio Sesto alla nobile Lucrezia. Cacciato quindi da Roma con tutta la famiglia, avrebbe poi tentato invano di ritornarvi, con l’aiuto di Porsenna e dei Latini. La tradizione gli attribuisce inoltre il compimento della Cloaca massima e del tempio di Giove sul Campidoglio. Considerato da alcuni studiosi moderni personaggio storico, è da altri ritenuto un semplice sdoppiamento di Tarquinio Prisco.

R. Grazie non commento la descrizione fatta! Sono qui per illustrare, dai Campi Elisi, il fallimento di Roma!

2la: Come e quando è nata la Repubblica Romana per la prima volta?

R: La Repubblica Romana attraversa in realtà una serie di fasi, che gli storici di solito chiamano prima, media e tarda Repubblica. La prima Repubblica può iniziare nel 509 aC, quando un gruppo di aristocratici romani si riunisce mi rovescia sono l’ultimo re di Roma. Questi aristocratici hanno bisogno del sostegno del popolo per mantenere questa nuova Repubblica, e così ci ritroviamo con un contrasto piuttosto strano di una repubblica democratica che è gestita da aristocratici. Questo fondamentalmente dà il tono alla Repubblica Romana da quel momento in poi. È difficile dire quali leggende romane della prima Repubblica siano effettivamente basate sui fatti, e quali sono essenzialmente storie auto-esaltanti inventate dai romani per convincersi della propria storia in seguito. Ma quando arriviamo alla metà della Repubblica, che è fondamentalmente più o meno all’epoca delle Guerre Puniche [un trio di guerre combattute tra Roma e Cartagine dal 264 aC al 146 aC], iniziamo a ottenere quella che potreste chiamare storia verificabile. E, naturalmente, in alcune parti della tarda Repubblica, grazie a persone come Cicerone, possiamo quasi seguire gli eventi di giorno in giorno. Ciò significa che abbiamo un’idea chiara di come funzionava la Repubblica e quali erano le sue funzioni costituzionali.

2la: Com’era strutturata la Repubblica?

R: Beh, avevi il Senato – in teoria non un organo legislativo, ma puramente consultivo – che in realtà gestiva lo spettacolo, ed era composto da uomini della classe aristocratica (patrizia). E hai anche molti forum democratici che, con l’evolversi della Repubblica, diventano più privi di significato. Le più alte cariche di governo erano ricoperte da due consoli eletti a loro volta dal Senato, ed era il Senato che approvò le leggi. Ma la prima Repubblica ha sperimentato enormi problemi di conflitto sociale – noto come il conflitto degli ordini – e una lotta politica come i romani “ordinari” (plebei) hanno lottato con i patrizi per l’uguaglianza politica. Conciliare i doppi obiettivi di questi due settori della società romana è probabilmente la caratteristica distintiva della prima Repubblica.

2la: In che modo le azioni del Senato hanno influenzato il cittadino romano medio?

R: Il diritto romano è l’edificio su cui è stata costruita la maggior parte del diritto europeo, e si basava su un primissimo insieme di leggi note come Le dodici tavole. Erano 12 statuti che costituivano la base per le leggi accumulate nel corso degli anni. Nonostante la sua sanguinosa reputazione, la società romana era per certi versi molto civilizzata, soprattutto nella città di Roma. C’era una regola, per esempio, che stabiliva che un macellaio non doveva allontanarsi più di tre passi dalla sua stalla mentre impugnava un coltello. E un attore potrebbe citare in giudizio il suo pubblico per offesa ai suoi sentimenti mentre fischia. Quindi i plebei avevano effettivamente una grande protezione legale. Il problema era che Roma aveva quella che potremmo chiamare una società forte e uno stato debole. Il filosofo scita Anacharsis lo riassunse bene quando disse: “Le leggi sono ragnatele, che catturano le piccole mosche, ma non possono trattenere quelle grandi”. Quindi, le leggi romane erano brave a contenere comuni cittadini romani, ma i ricchi e i potenti potevano sfiorarli come se non esistessero.

2la: Come si sono inserite le donne nella Repubblica Romana?

R : Quando guardiamo al ruolo delle donne, ci sono due cose da tenere a mente. La prima è che Roma era una società intensamente patriarcale e militarista. L’altro, è che è evidente da quello che sappiamo della storia romana, che le donne hanno accettato questo quasi al 100%; semplicemente non c’è un movimento femminista a Roma. Le mogli romane dovevano essere virtuose, obbedienti e produrre la prossima generazione di romani. Sebbene ci siano alcuni segni che non tutte le donne romane si adattavano così perfettamente a quell’immagine Hortensia, figlia dell’oratore romano del I secolo a.C. Quinto Ortensio, essa stessa si guadagnò una reputazione di abile oratore, le donne in genere avevano un ruolo molto limitato nella vita pubblica e potevano non ricoprire alcuna posizione ufficiale di responsabilità politica. Le vite delle donne della classe lavoratrice nella Repubblica, tuttavia, erano completamente diverse da quelle della donna aristocratica che conosciamo, e le donne della classe inferiore avrebbero lavorato per vivere.

2la: Perché alla fine la Repubblica fallì e finì?

R: Se potessi darti una risposta definitiva sul perché la Repubblica Romana fallì, domani potrei probabilmente tornare dai Campi Elisi ed impostare una sana monarchia la mia!, ci sono così tante divergenze di opinione. Ma posso condividere la mia teoria. La Comitia Centuriata, una delle quattro diverse assemblee popolari, che sedeva sotto il Senato, si riuniva ogni anno per eleggere i consoli e i pretori per l’anno successivo. Nei primi anni della Repubblica, questa era un’assemblea militare, che vedeva l’esercito romano votare per i consoli, scegliendo essenzialmente il loro capo di guerra per quell’anno. Poiché il console sarebbe la persona che guida gli eserciti in battaglia, è abbastanza ragionevole in una repubblica democratica che l’esercito lo scelga. Ma nella successiva Repubblica, iniziamo a vedere una disconnessione tra i consoli e l’esercito, perché a quel punto avevano iniziato a combattere in luoghi come la Siria, la Spagna e il Nord Africa, il che significa che i soldati contadini non potevano tornare a Roma per votazione. Ciò significava che erano i cittadini romani a votare per ciò che avrebbe fatto l’esercito e chi lo avrebbe comandato. Fondamentalmente, era l’esercito romano che deteneva il maggior potere a Roma, quindi non ci volle molto perché politici come Silla e Giulio Cesare cercassero di conquistare l’esercito, offrendogli un’alternativa a ciò che altri politici volevano che facesse. E il risultato di questo è l’Impero Romano, che era fondamentalmente una dittatura militare.

2la: Quanto era democratica la Repubblica?

R: Di nuovo, questo è dibattuto ferocemente. Alcune persone sostengono che fosse estremamente democratico; altri sottolineano che le istituzioni democratiche della Repubblica Romana erano state conquistate dall’aristocrazia, e il risultato è che non era affatto molto democratica.

2la: Come funzionava la cittadinanza romana?

R: La cittadinanza era una delle principali innovazioni dei romani. Gli ateniesi credevano che per essere ateniesi, si doveva nascere ateniesi, non si poteva diventare ateniesi più di quanto un gatto potesse diventare un cane. I romani, tuttavia, hanno lavorato sul principio opposto. Molto spesso, dopo aver conquistato una città, riunivano la gente del posto tra le rovine fumanti delle loro case e dicevano: “Congratulazioni e benvenuti a Roma, concittadini”. Quindi, i romani non erano solo inclusivi, ma a volte forzatamente inclusivi. Hanno anche escogitato l’interessante innovazione che potresti essere cittadino della tua città e contemporaneamente cittadino di Roma; questa non era un’idea che non era venuta in mente a nessuno prima. Roma fu in realtà costruita conquistando i popoli dell’Italia e successivamente della Gallia e dell’Asia Minore, rendendoli parte della popolazione e trasformandoli in modelli di se stessi fino a divenire più romani degli stessi romani. La guerra sociale italiana del 91 88 a.C. fu innescata dal rifiuto di Roma di concedere la cittadinanza ai suoi alleati italiani. È l’unico caso registrato nella storia del contrario di una guerra di indipendenza. La Repubblica era anche spietatamente espansionista, molto di più dell’Impero Romano che seguì. Quando si formò la Repubblica, Roma stava combattendo Veio, una città etrusca così vicina che ora si trova nella periferia della Roma moderna. Quando la Repubblica finisce, si estendeva dalle rive dell’Eufrate fino alla costa dell’attuale Portogallo.



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *