Sep
26th
left
right

Divorziare dal pane


Le diete a basso contenuto di carboidrati sono una via facile per perdere peso o una ricetta per un infarto?
Innumerevoli sono le diete vanno e vengono, ma di questi tempi ce n’è una di cui non smettiamo mai di sentire parlare. Che tu la chiami a basso contenuto di carboidrati, Atkins, cheto o paleo, il principio è lo stesso: ridurre il cibo amidaceo e riempirsi di grassi e proteine. Quanti articoli su riviste patinate che alla fine riempiono il portafoglio dei professionisti della medicina! Le dite vano fatte sempre sotto il controllo medico e mai copiandola da una rivista o su consiglio di una amica/o! Ma l’estate avanza!
Le diete a basso contenuto di carboidrati sono sempre più sostenute da specialisti in obesità e diabete, e un numero crescente di studi dimostra che l’approccio aiuta le persone a perdere peso almeno quanto i tradizionali regimi a basso contenuto di grassi e ipocalorici. Sempre più persone mangiano in questo modo, non per perdere peso, ma perché lo considerano più sano.
Eppure molti medici avvertono che il basso contenuto di carboidrati è pericoloso. Indicano studi sulla popolazione su larga scala che collegano le diete a basso contenuto di carboidrati a un aumento del rischio di infarto, ictus e morte prematura.
La cosa sconcertante è che quegli avvertimenti non sembrano coincidere con i risultati degli studi clinici, generalmente un tipo migliore di prove mediche rispetto agli studi sulla popolazione. Molti hanno ora dimostrato che le diete a basso contenuto di carboidrati generalmente non aumentano i livelli di “colesterolo cattivo”, a lungo considerato un importante fattore di rischio per infarto e ictus. Anche nelle persone che vedono un aumento, altri indicatori della salute del cuore di solito migliorano.
È così grande la confusione che alcuni si chiedono se abbiamo sbagliato tutte le cause delle malattie cardiache. “Questo mi ha portato a chiedermi se credo nell’ipotesi del colesterolo”, afferma Eric Westman, specialista in obesità presso la Duke University nel North Carolina.
Poiché l’aumento dei tassi di obesità e diabete minaccia la salute pubblica, le domande sulla sicurezza delle diete a basso contenuto di carboidrati stanno diventando sempre più urgenti. Quindi, abbandonare i carboidrati è un modo sicuro per perdere peso e rimanere in salute o una ricetta per l’infarto?
Le diete a basso contenuto di carboidrati sono diventate famose per la prima volta negli anni ’70 grazie al cardiologo di New York Robert Atkins, che ha perso peso in questo modo e lo ha raccomandato nei libri di dieta e di cucina.
Il suo consiglio di fare il pieno di bistecche, panna e burro, evitando la maggior parte di frutta e verdura, lo ha reso un medico “border line”.
Per molte persone, tuttavia, le diete a basso contenuto di carboidrati funzionano chiaramente. All’inizio degli anni ’90, studi randomizzati mostravano che tali diete sono buone almeno quanto quelle a basso contenuto di grassi per la perdita di peso, spesso un po’ meglio. In uno studio, le persone con una dieta a basso contenuto di carboidrati hanno perso in media il 4,4% del loro peso corporeo dopo un anno, rispetto al 2,5% tra quelle in un gruppo a basso contenuto di grassi.
E contrariamente agli avvertimenti, i livelli di colesterolo delle persone e i risultati di altri esami del sangue, generalmente si sono mossi nella giusta direzione. “È stato un grande momento”, afferma Westman, che ha condotto alcuni di questi studi.
Qual è la spiegazione? L’idea centrale è che il controllo del peso richiede più del semplice conteggio delle calorie. Per cominciare, la stessa quantità di calorie da grassi o proteine fa sentire le persone più sazi che se provengono da carboidrati, il che spiega perché le persone che seguono diete a basso contenuto di carboidrati segnalano meno fame rispetto a quelle a basso contenuto di grassi. Gli studi di Westman hanno contribuito a dimostrare che, sebbene la maggior parte delle persone che seguono diete a basso contenuto di carboidrati non contino le calorie, tendono a consumare solo da 1200 a 1500 calorie al giorno, molto meno delle 2000 calorie raccomandate al giorno per le donne e 2500 per gli uomini. “Mangiano di meno perché non hanno fame”, dice Westman.
L’altra intuizione chiave riguarda ciò che accade quando cambiamo la principale fonte di energia del corpo. Di solito, le nostre cellule sono alimentate dal glucosio, uno zucchero semplice in cui vengono convertite tutte le altre forme di zucchero o amido. Il glucosio è altamente reattivo, quindi il nostro corpo normalmente mantiene la quantità nel sangue entro un intervallo ristretto per evitare danni ai vasi sanguigni e alle strutture cellulari. Quando i livelli di glucosio aumentano dopo aver mangiato, rilasciamo rapidamente l’ormone insulina, che dice alle cellule di iniziare a prendere il glucosio e usarlo e immagazzinarlo.
L’insulina ha una miriade di altri effetti, ma possono essere riassunti come un segnale al nostro corpo che abbiamo avuto un afflusso di calorie e dobbiamo nasconderle. Fondamentalmente, l’insulina fa sì che le cellule adipose trasformino il glucosio in grasso e lo immagazzinino. Ma in assenza di glucosio, il corpo ha una fonte di carburante alternativa: il grasso. A seconda del tipo di cellula, il grasso immagazzinato può essere trasformato in acidi grassi o in molecole chiamate chetoni, che possono essere utilizzate per produrre energia. Questo normalmente accade un po ‘durante la notte, quando andiamo per diverse ore senza mangiare carboidrati.
La ragion d’essere del basso contenuto di carboidrati è ridurre al minimo il rilascio di insulina ed essere alimentati il più possibile dai chetoni. Per la maggior parte delle persone, il passaggio a ciò che è noto come chetosi avviene entro pochi giorni dal taglio drastico dei carboidrati. Mangiare livelli molto bassi di carboidrati è anche noto come dieta chetogenica.
Oltre alle persone che cercano di perdere peso, molti altri hanno adottato la dieta a basso contenuto di carboidrati o la dieta cheto perché la vedono come un modo di vivere in modo sano e prolungare la durata della vita.
Alcuni aderenti credono che entrare in chetosi abbia una serie di benefici metabolici, inclusa la prevenzione del cancro e del morbo di Alzheimer, anche se non ci sono buone prove per questo.
I neurologi usano diete a bassissimo contenuto di carboidrati per indurre la chetosi come trattamento per alcune forme di epilessia ed è allo studio in altre condizioni



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *