May
12th
left
right

Transistor & Pc foto e qualche ricordo

Nell’immediato dopoguerra, i fisici che tornavano alle università ribollivano di entusiasmo e pieni di nuove idee che non erano stati in grado di dare seguito durante gli anni della guerra; l’intero campo della fisica sembrava, in un senso molto reale, “andare in tutte le direzioni”. Questo, tuttavia, non era universalmente vero. Nei Bell Laboratories, ad esempio, dove alcuni dei fisici più abili della nazione si erano riuniti alla fine degli anni ’40, la direzione del laboratorio insistette su un modello di attività più mirato e stabilì una serie di sfide specifiche verso la cui soluzione si aspettavano il personale di laboratorio per dirigere la loro attenzione. Una di queste sfide era quella di trovare un sostituto per il tubo a vuoto notoriamente inaffidabile e di breve durata. La risposta, ovviamente, fu il transistor, inventato nel 1947. La foto di seguito riportata è una fotografia del primo transistor

Il primo transistor al mondo, sviluppato nei Bell Telephone Laboratories nel 1947. (Cortesia Bell Telephone Laboratories.

e la seguente mostra i suoi inventori, John Bardeen, William Schockley e Walter Brattain.

Da sinistra: John Bardeen (1956, 1972), William Shockley (1956) e Walter H. Brattain (1956), gli inventori del transistor. (Cortesia di Bell Telephone Laboratories.)

Il transistor aveva tre evidenti vantaggi rispetto al tubo a vuoto: poteva ovviamente essere reso molto più compatto, consumava molta meno energia e aveva effettivamente una durata infinita. Queste erano le caratteristiche essenziali del computer del futuro. Gli inventori del dispositivo che ha reso possibile il computer digitale hanno ricevuto il Premio Nobel per la Fisica nel 1956.

Durante gli anni della guerra, il gruppo di Los Alamos portò avanti l’intero campo del calcolo e della modellazione fisica al di là di tutto ciò che era stato immaginato in precedenza, ma fu riconosciuto che i limiti imposti dai tubi a vuoto stabilivano chiaramente limiti fisici alla potenza e alla portata del futuro. computer e calcolo. Tre degli individui più coinvolti nell’informatica di Los Alamos – Stanley Ulam, Richard Feynman e John von Neuman – sono mostrati, in una vecchia fotografia di Los Alamos del trio che discute del futuro dell’informatica.

Da sinistra: Stanislaw Ulam, Richard Phillips Feynman (1965) e John von Neumann discutono del futuro dell’informatica a Los Alamos nel 1947 (per gentile concessione di AIP Emilio Segré Visual Archives, Ulam Collection.)

La Figura seguente mostra il computer ENIAC presso l’Università della Pennsylvania, che nel 1946 ha definito lo stato dell’arte.

Il computer ENIAC presso l’Università della Pennsylvania nel 1946. Un incontro casuale tra John van Neumann e Konrad Zuse della Germania portò alla costituzione di un gruppo di van Neumann presso l’Università della Pennsylvania incaricato di creare l’ENIAC (Electronic Numerica / Integrator and Computer ). L’ENIAC è stato progettato da f. Prosper Eckert e John Mauchly. Hanno usato 18.000 tubi a vuoto per un costo di circa di $ 400.000; è ampiamente considerato il progenitore dei computer moderni. La redazione di Newsweek ha sovrapposto la figura a destra con il suo laptop per sottolineare l’enorme contrasto di dimensioni e potenza che si è verificato dal 1946 nel mondo dei computer. (Cortesia di Newsweek.)
Transistor


© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *