Jul
25th
left
right

Dialetti Italici

Ogni nostra Regione ha un suo insieme di lingue proprie ed intime che DEVONO essere preservate. Il Dialetto discende da tempi antichi. Concentriamo la nostra attenzione sulle lin­gue che, prima della conquista della nostra peni­sola da parte di Roma, erano parlate nelle regioni della nostra penisola, e di cui alcune derivazioni ancora rimangono nei dialetti locali. I principali di essi erano:

Ligure         in Piemonte e Liguria;

Gallico            in Lombardia ed Emilia;

Venetico          nel Veneto e Venezia Giulia;

Etrusco            in Toscana e parte della Campania;

Umbro             in Umbria;

Latino              nel Lazio (Latium);

Osco                 in Campania, Basilicata, Puglia e Calabria;

Siculo            in Sicilia.

Cartina dei Dialetti Italici parlati nelle regioni della Penisola prima della formazione dell’Impero Romano

Possiamo ancora ricordare il fenicio o punito che era parlato in Sardegna, sostituendosi al cosiddetto paleosardo (sardo antico) a seguito della colonizzazione fenicia del XIV-XIII secolo a. C., mentre non possiamo non dare particolare risalto al greco che, per le colonie della Magna Grecia formatesi nel IX-VIII secolo a. C., si era diffuso lungo le zone costiere pugliesi, calabre e siciliane, persistendovi anche secoli dopo la con­quista romana e tuttora in alcune isole linguisti­che. Questi dialetti seguirono naturalmente gli eventi delle popolazioni che li parlavano: col passar dei secoli con esse si spostarono o spariro­no come l’etrusco, l’osco, il gallico, il ligure, op­pure si diffusero ed affermarono come il latino. Abbiamo detto col passar dei secoli e infatti bisogna notare che ancora nel III e II secolo a. C. quasi tutti tali dialetti erano normalmente parlati e solo al tempo di Augusto, cioè all’inizio della nostra era, si può dire che fossero scomparsi o ridotti, senza importanza, a limitatissime zone.

Influenza delle varie lingue sul latino

Saremmo indotti a pensare, conoscendo i sistemi di conquista degli antichi popoli, che anche i Romani usassero imporre ai vinti, con le loro leggi, la propria lingua. La diffusione del latino, sia in Italia sia poi in tutte le altre province del­l’impero, non avvenne invece in pochi anni per imposizione del vincitore sul vinto, ma fu un graduale, lento fenomeno di reciproca assimila­zione. Più che non alla conquista vera e propria dobbiamo darne il merito alla politica di coloniz­zazione romana: la distribuzione delle terre ai soldati veterani, quale premio per il lungo servi­zio da loro prestato in guerra, oltre a garantire una certa sicurezza politica alle nuove province, lasciava sul posto migliaia di soldati-agricoltori che parlavano il latino, o perché era la loro lin­gua-madre o per averla imparata ed usata per tanti anni sotto il servizio militare. L’amministra­zione locale, il commercio, i rapporti umani venivano quindi svolti in latino, ed anche la popolazione locale, in successive fasi, trovò più comodo abbandonare la lingua natia per adot­tare la nuova.

Abbiamo già visto, nell’introduzione a questo studio, come la lingua del popolo, e poi di conse­guenza quella letteraria, tenda ad assimilare pa­role ed espressioni dalla parlata delle popolazioni vicine e soprattutto dei conquistatori. Per il me­desimo fenomeno, anche la lingua di questi ultimi normalmente assorbe da quella del paese conqui­stato un certo numero di vocaboli, particolar­mente quelli che si riferiscono a piante, forme del suolo, animali, usi e costumi tipicamente locali.

Lo stesso fenomeno, che i filologi chiamano sostrato (cioè, letteralmente, ciò che sta sotto), avvenne naturalmente anche quando la lingua latina si diffuse nelle regioni assoggettate, pren­dendo il sopravvento su quella primitiva. Specialmente dall’osco, dall’umbro, dall’etrusco, dal gallico, dal celtico molte sono state le parole importate nella lingua latina e da questa succes­sivamente trasmesse al nostro italiano.



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *