Aug
05th
left
right

The Manhattan Project

Capite le potenziali conseguenze militari della fissione nucleare nacque negli Stati Uniti il Progetto Manhattan, che fu istituito con la benedizione del presidente Roosevelt, per lavorare alla realizzazione di questo potenziale. La figura 1 mostra il cosiddetto comitato S-1 nella sua riunione del settembre 1942 alla Bohemian Grave in California. Questo comitato ha svolto un importante ruolo di leadership nell’intero Progetto Manhattan. Non è generalmente noto che Gregory Breit, uno dei giganti della fisica teorica, sia stato il primo direttore del Progetto Manhattan. La sua eccessiva enfasi sulla segretezza, al punto da avere un serio impatto sul lavoro del progetto, è stata ciò che ha portato alla sua sostituzione con Robert Oppenheimer (vedi Figura 2).

La figura 3 mostra Vannevar Bush, che -di fatto, se non di nome- fu il primo consigliere scientifico presidenziale e, ufficialmente, il direttore dell’Ufficio per la ricerca scientifica e lo sviluppo (OSRD). Sarebbe difficile sopravvalutare l’importanza del ruolo svolto da Vannevar Bush, non solo durante gli anni della guerra, durante i quali ha fornito un ponte di comunicazione tanto necessario tra i politici di spicco degli Stati Uniti e la comunità scientifica, ma anche all’indomani della guerra, quando ha scritto un rapporto che formulasse raccomandazioni per il dopoguerra nella scienza. Science, the Endless Frontier è servito come modello efficace per la politica scientifica degli Stati Uniti per l’ultima metà del ventesimo secolo. Il rapporto presumeva anche che se il sostegno federale fosse stato incanalato verso le università, allora nuove conoscenze e giovani menti addestrate a usare quelle nuove conoscenze in modi creativi e innovativi avrebbero trovato la loro strada nel mondo dell’industria senza bisogno di intervento da parte del governo.

Il Progetto Manhattan, come il progetto Apollo, erano fondamentalmente attività di ingegneria, ma i fisici hanno svolto un ruolo importante in entrambi (in particolare il Progetto Manhattan).

La figura 4 mostra Lawrence, Fermi e Rabi che discutono del Progetto Manhattan durante i suoi primi giorni a Los Alamos, e la figura 5 mostra Niels Bohr, o “Mr. Baker”, come veniva chiamato a Los Alamos, con il direttore di Los Alamos, J. .Robert Oppenheimer. Questa figura illustra la stretta cooperazione che esisteva tra la restante comunità scientifica libera in Europa e gli americani, ma dà anche qualche indicazione delle pesanti responsabilità che gravavano sulle spalle di Oppenheimer La Figura 6 mostra Enrico Fermi che riceve una meritatissima Medaglia al Merito dal Generale Groves, il comandante militare del Progetto Manhattan. La Figura 7 è una fotografia piuttosto rara che mostra Edward Teller che si congratula con Robert Oppenheimer dopo aver ricevuto il Premio Fermi dal presidente Johnson. Questa riconciliazione simbolica in molti modi segnò la fine di un periodo molto infelice durante il quale Teller e Oppenheimer erano in forte disaccordo sulla saggezza dello sviluppo della bomba all’idrogeno.



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *