Oct
17th
left
right

Antica Roma religione e culto..una occhiata

Prima che il cristianesimo fosse adottato come religione ufficiale dell’Impero Romano nel IV secolo d.C., gli antichi romani adoravano una moltitudine di dei e dee divinità che, si credeva, esercitassero un’influenza divina su tutto, dall’assicurare un buon raccolto e portare il Sole, la musica, guerra e tempo. Il rapporto tra i romani e i loro dei era costruito sulla fiducia reciproca e una serie di riti e offerte che venivano regolarmente eseguiti per garantire la benevolenza e la cooperazione degli dei e mantenere la pax deorum (pace degli dei).

PUBBLICO VS PRIVATO

“Una delle cose più importanti del culto romano è che era un affare di stato, un lavoro civico”, afferma lo storico Philip Matyszak. “Non dovevi necessariamente credere negli dei una volta che avevi preso parte alle cerimonie civiche, potevi tornare a casa e adorare chi volevi. Gli dei, si pensava, richiedevano semplicemente che tu partecipassi a cerimonie e sacrifici e prendessi parte a feste religiose, questo avrebbe mantenuto la pax deorum e in cambio gli dei si sarebbero assicurati che arrivassero le piogge e che la città fosse protetta, e così via. Il modo in cui adoravi nell’intimità della tua casa era di scarsa importanza”.

Con l’espansione dell’Impero Romano e l’esposizione alle divinità di altre culture, anche il pantheon romano si espanse per adottare alcuni dei di coloro che avevano conquistato, a condizione che si adattassero alla cultura romana. La Grecia, in particolare, ha avuto una grande influenza sulla religione romana: i miti greci sono stati adottati e gli dei greci sono stati spesso combinati con i corrispondenti dei romani, come nel caso di Giove e Zeus.

“Un’altra cosa interessante dei romani è che non erano interessati a diffondere la loro religione”, afferma Matyszak. “Volevano che i loro dei si prendessero cura di loro e solo di loro. I primi cristiani, d’altra parte, erano altamente militanti e si rifiutavano di partecipare alle cerimonie civiche, tranne forse per stare sui gradini del tempio per insultare gli dei romani rompendo la pax deorum e, a loro volta, portando alla persecuzione cristiana.

“Il cristianesimo stesso iniziò a prendere piede nell’Impero durante la crisi del III secolo, che fu un periodo di grandi sconvolgimenti politici e militari, e vide paesi e città, come Efeseo, sulla costa dell’Asia Minore, saccheggiati da eserciti barbari. A molti romani sembrava che i loro dei non li proteggessero come avrebbero dovuto, quindi alcune città (inclusa Efeseo) decisero di provare il cristianesimo come alternativa”.

VITA DA VERGINE VESTALE molti privilegi

Scelte tra i sei e i dieci anni di età, il compito delle Vestali era quello di mantenere il focolare di Vesta – la vergine dea della casa – tendendo il fuoco sacro presso l’Atrium Vestae (Casa delle Vestali) di 50 stanze, nel Foro Romano. Le Vestali – prelevate da famiglie patrizie – hanno giurato 30 anni di castità e le loro carriere sono state divise in tre parti: i primi dieci anni li trascorrevano come iniziate, insegnate da sacerdotesse più anziane; i secondi dieci anni li trascorrevano come sacerdotesse e l’ultimo decennio veniva dedicato al tutoraggio dei nuovi iniziati.

Le vestali godevano di molti privilegi non disponibili per le donne romane ordinarie, come la possibilità di possedere proprietà a sé stanti, alcune esenzioni fiscali e l’emancipazione dalla patria potestas, il potere detenuto sulla famiglia da un padre o da un altro parente maschio.



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *