Oct
21st
left
right

La Grandine e gli uomini nuvola

La culla preferenziale della grandine è il cumulo-nembo una nube temporalesca agitata da violentissime correnti ascendenti e discendenti che si spostano vorticosamente ad una velocità di oltre 100 km orari. Animate da questi turbini, le goccioline di acqua appena condensata dal vapore vagante nell’atmosfera vengono innalzate rapidamente e portate in pochi attimi a quote in cui la temperatura è molto più fredda (fino a 25 °C sotto zero). L’improvviso abbassamento di temperatura le trasforma in aghi di ghiaccio, che continuano poi a scendere e a salire velocemente, arricchendosi ogni volta di nuova acqua in basso che diventa immediatamente ghiaccio alle quote superiori. Il chicco si arricchisce così di nuovi strati biancastri e continua a farlo fino a quando il suo peso diventa tanto grande da precipitare al suolo. Si calcola che un chicco di grandine di mezzo centimetro di diametro equivalga a un migliaio di gocce di pioggia.

Li chiamano “uomini nuvola”. Il loro lavoro consiste nell’aggredire le nuvole per interrompere i procedimenti di formazione della grandine. Vivono in aeroporto, come se fossero in servizio di guerra. Quando il radar segnala l’avvicinarsi di un temporale pericoloso saltano a bordo degli aerei appositamente attrezzati, raggiungono le nubi e sparano raffiche di proiettili che scoppiando sprigionano ioduro d’argento, un gas capace di far sciogliere i chicchi di ghiaccio. Negli Stati Uniti le squadriglie antigrandine sono numerose e stazionano lungo la fascia temperata, la più minacciata dal flagello. Hanno a disposizione aeroplani a elica, e aviogetti leggeri, del tipo usato dalle Forze Armate per l’addestramento. Con i primi attaccano i temporali a bassa quota; con i jet salgono invece fino a 8-9 mila metri. L’intervento presuppone una scelta di tempo perfetta. Il gas riesce a decongestionare la nube, a bloccare la formazione dei chicchi trasformandoli in pioggia o in frammenti tanto piccoli da risultare inoffensivi. Mentre i jet sparano vere e proprie raffiche di colpi, i velivoli a elica si limitano invece a “seminare” le nubi di ioduro d’argento, liberandolo attraverso una rastrelliera di tubi diffusori sistemata sotto le ali o sui loro montanti. L’esperimento è stato fatto anche in Italia. Difendere con questi mezzi una regione come il Piemonte costa mediamente 250 mila euro l’anno; rinunciarvi vuol dire esporsi a un rischio di danni per 8 milioni di euro. Le squadriglie antigrandine rappresentano per ora il sistema più efficace per difendere i raccolti dalla pioggia di ghiaccio. È la fase più recente, ma sicuramente non l’ultima, di una guerra contro la natura nella quale l’uomo è sempre stato sconfitto. Quando il cielo si riempie di nubi nere, di solito in estate, può capitare il finimondo. In pochi attimi cadono tonnellate e tonnellate di ghiaccio, distribuite in chicchi che trapassano come proiettili le colture nella fase più delicata della maturazione. Oltre ai danni immediati, bisogna tener conto di quelli a lungo termine: le piante da frutta ne risentono per anni. In Italia la grandine arriva una settantina di volte l’anno. Le grandinate più distruttive spazzano la Pianura Padana e le Alpi occidentali; in autunno colpiscono la Sicilia, proprio in tempo per danneggiare gli agrumi. Nel nostro Paese i danni provocati dalla grandine si aggirano fra i 250 e i 300 milioni l’anno. In Piemonte, una delle regioni più colpite, oscillano fra gli 8 e i 10 milioni. Verso il 1950, specialmente nella Pianura Padana sorsero numerose stazioni lanciarazzi, dislocate lungo cinture di sicurezza nelle zone più esposte. A sparare i razzi erano gli stessi contadini, che quasi sempre però si lasciavano prendere dal panico per i raccolti e trasformavano ogni temporale, anche il più leggero, in un’occasione per una costosa ma quasi sempre inutile manifestazione pirotecnica. Appena ci si rese conto che era difficile centrare le nubi, i razzi caddero in disuso e con essi anche le speranze di predisporre difese efficaci contro la grandine. Nel 1957 si è scoperto che l’ioduro d’argento, introdotto nelle zone più basse e quindi meno fredde delle nubi, trasforma immediatamente l’acqua in minuscoli cristalli di ghiaccio, che cadendo non riescono a entrare nel ciclo che li trasformerebbe in chicchi di grandine. Nello stesso tempo i cristallini degli strati superiori, precipitando in zone d’atmosfera povere di vapore acqueo, non possono più ingrossarsi. Con questo gas si può cioè “mungere” la nube, svuotandola della sua carica micidiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *