Dec
06th
left
right

Mangio meglio aiuto il Pianeta!

Quello che mangio ha un effetto sul cambiamento climatico?

Sì. Il sistema alimentare mondiale è responsabile di circa un quarto dei gas serra che riscaldano il pianeta che gli esseri umani generano ogni anno. Ciò include l’allevamento e la raccolta di tutte le piante, gli animali e i prodotti animali che mangiamo, nonché la lavorazione, l’imballaggio e la spedizione del cibo ai mercati di tutto il mondo.

In che modo esattamente il cibo contribuisce al riscaldamento globale?

Quando le risorse vengono liberate per fare spazio alle fattorie e al bestiame, grandi riserve di carbonio vengono rilasciate nell’atmosfera, che riscalda il pianeta. Inoltre, i combustibili fossili sono usati per far funzionare macchine agricole, produrre fertilizzanti e spedire cibo in tutto il mondo, tutti fattori che generano emissioni.

Quali alimenti hanno l’impatto maggiore?

In generale, manzo e agnello hanno la maggiore impronta climatica per grammo di proteine: il bestiame rappresenta all’incirca la stessa quantità di emissioni di tutte le automobili, camion, aeroplani e navi nel mondo di oggi, mentre gli alimenti a base vegetale come fagioli, legumi, cereali e soia tendono ad avere l’effetto minore. Maiale, pollo, uova e molluschi come vongole, ostriche e capesante sono da qualche parte nel mezzo. La carne bovina allevata negli Stati Uniti produce generalmente meno emissioni rispetto alla carne bovina allevata in Brasile o in Argentina. E alcuni formaggi possono avere un impatto maggiore sui gas serra rispetto a una costoletta di agnello.

C’è una semplice scelta di cibo che può ridurre la mia impronta climatica?

Consumare meno carne rossa e latticini in genere avrà l’effetto maggiore per la maggior parte delle persone nei paesi ricchi. Numerosi studi hanno concluso che le persone che seguono una dieta ricca di carne potrebbero ridurre la loro impronta legata al cibo di un terzo o più passando a una dieta vegetariana. Rinunciare ai prodotti lattiero-caseari ridurrebbe ulteriormente queste emissioni. Se non vuoi arrivare a tanto, mangiare meno carne e latticini può ridurre le emissioni.

Perché la carne ha un effetto così importante sul clima?

Spesso è più efficiente coltivare raccolti per gli esseri umani che coltivare per gli animali e poi trasformare quegli animali in cibo per gli esseri umani. Uno studio del 2017 dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha concluso che, in media, ci vogliono circa tre libbre di grano per sollevare una libbra di carne. Manzo e agnello hanno un’impronta climatica particolarmente ampia per un altro motivo: lo stomaco di mucche e pecore contiene batteri che li aiutano a digerire l’erba e altri alimenti. Ma quei batteri creano metano che viene poi rilasciato attraverso rutti (e flatulenza).

E il pollo?

Numerosi studi hanno scoperto che il pollame ha un impatto climatico minore rispetto ad altri animali. I polli moderni vengono allevati per essere estremamente efficienti nel convertire il mangime in carne, anche se questo ha suscitato grandi preoccupazioni in merito al benessere degli animali.

Dovremmo semplicemente smettere di mangiare carne?

Diversi esperti hanno affermato che un sistema alimentare sostenibile può e deve includere molti animali. Le mucche e altro bestiame possono essere allevati su pascoli che altrimenti non sarebbero adatti alla coltivazione e mangiano i residui del raccolto che altrimenti andrebbero sprecati. Producono letame che possiamo usare come fertilizzante. E l’agricoltura per gli animali fornisce la possibilità di vivere a circa 1,3 miliardi di persone in tutto il mondo.

In quale altro modo la carne può diventare più rispettosa del clima?

I progressi nell’allevamento degli animali, nelle cure veterinarie, nella qualità dei mangimi e nei sistemi di pascolo stanno contribuendo a ridurre l’impronta climatica delle attività zootecniche. Gli Stati Uniti, ad esempio, producono oggi più carne di manzo rispetto al 1975, anche se il numero totale di bovini è diminuito di circa un terzo.

E la “carne finta”?

I sostituti della carne a base vegetale a base di verdure, amidi, oli e proteine ​​sintetizzate tentano di imitare il gusto e la consistenza della carne. Sebbene giurie di esperti non siano in grado di stabilire se questi prodotti siano più sani, probabilmente hanno l’impronta ambientale più piccola che promettono: uno studio ha stimato che un Beyond Burger ha avuto solo un decimo dell’impatto climatico di un hamburger di manzo.

Che tipo di pesce dovrei mangiare?

I pesci non di allevamento hanno spesso un’impronta climatica relativamente ridotta e la principale fonte di emissioni è il carburante bruciato dai pescherecci. Una recente analisi ha scoperto che un certo numero di pesci popolari quali – acciughe, sardine, aringhe, merluzzo bianco, merluzzo, eglefino – hanno, in media, un’impronta di carbonio inferiore rispetto al pollo o al maiale. La maggior parte delle attività di pesca viene pescata al massimo livello sostenibile, mentre altre sono sovrasfruttate. Quindi non c’è molto spazio per tutti nel mondo per aumentare il consumo di pesce selvatico.

Qual è l’impatto del latte e del formaggio sul cambiamento climatico?

Il latte ha tipicamente un’impronta climatica inferiore rispetto a pollo, uova o maiale per libbra. Yogurt, ricotta e crema di formaggio sono simili al latte. Ma il cheddar e altri formaggi a pasta dura possono avere un’impronta molto più grande del pollo o del maiale, poiché in genere occorrono circa dieci libbre di latte per produrre mezzo chilo di formaggio. Una dieta vegana (senza carne, latticini o uova) ha lo più impronta climatica.



© 2la.it - Riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *