Dec
14th
left
right

20 marzo: eclissi solare

Tra eclissi e sonde che si trovano ora in orbita attorno a vari corpi del Sistema Solare, l’astronomia ci sta dando tante soddisfazioni. Per secoli ha suscitato timore negli uomini che non ne comprendevano il significato, oggi l’eclissi di Sole è un evento che richiama curiosi e appassionati. La mattina del 20 marzo 2015 Il Sole viene nuovamente oscurato dalla Luna. E si potrà assistere anche dall’Italia ad un’eclissi solare parziale. La Luna comincerà a coprire il disco solare verso le 9.30 del mattino, raggiungerà la massima sovrapposizione (tra il 50% e il 70% a seconda delle regioni italiane) verso le 10.30 e lo lascerà attorno alle 11.40.

Le prossime eclissi visibili dall’Italia (come parziali) saranno nel 2020, 2021 e 2022, invece per la prossima eclissi totale si dovrà aspettare il 2 agosto 2027.

Tabella riepilogativa dell’eclissi del 20 marzo

Eclisse Parziale di Sole del 20 marzo 2015: gli orari in diverse città

Località

Inizio eclisse

altezza

Massimo

altezza

Magnitudine

Fine eclisse

altezza

Milano

09 h 24 m 12 s

29°

10 h 32 m 09 s

37°

0,713

11 h 44 m 02 s

43°

Roma

9 h 23 m 43 s

32°

10 h 31 m 13 s

42°

0,622

11 h 42 m 35 s

47°

Palermo

9 h 20 m 50 s

35°

10 h 26 m 39 s

44°

0,541

11 h 26 m 38 s

51°

L’eclisse sarà totale lungo un percorso nel Mare del Nord. Altrove, la Luna non coprirà completamente il disco del Sole ma solo in parte. In Italia non sarà percepibile il calo di luminosità ambientale durante l’eclissi parziale.

Semplici regole per l’osservazione

Non potendo osservare il Sole ad occhio nudo, per vedere l’eclissi è necessario procurarsi dei filtri adeguati, come i diffusi occhialini di cartone con le “lenti” di filtro mylar nati apposta per osservare le eclissi ad occhio nudo[1], o un filtro da saldatore con indice di protezione pari almeno a 14([2]).

Evitare espedienti fai-da-te perché tutti potenzialmente pericolosi per gli occhi[3].

 

Come fotografare l’eclissi

Il Sole può essere fotografato schermando l’obbiettivo della fotocamera ed utilizzando ad esempio un filtro “neutral density” di fattore 105.

Oppure si possono usare gli economici filtri di mylar (polimero alluminato, acquistabili in fogli di formato A4 nei negozi di astronomia) debitamente ritagliati e inseriti in “tappi” autocostruiti di cartone.

Sitografia utile:

http://divulgazione.uai.it/index.php/Eclisse_parziale_di_Sole_del_20_marzo_2015

http://www.eclipsewise.com/solar/SEprime/2001-2100/SE2015Mar20Tprime.html

http://www.reteastrofili.it/

http://www.accademiadellestelle.org/eclissi-di-sole-20-marzo.htm

 

 


[1] costo di pochi euro e reperibili nei negozi di ottica e di astronomia

[2] solo per osservazioni non protratte nel tempo

[3] Per esempio, le pellicole fotografiche completamente annerite lasciano passare i raggi infrarossi del Sole, dannosi la retina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *