Apr
22nd
left
right

Perché no? E altre storie di Vanni Picecco

 “Amori, rifiuti, fantasmi, spiragli.“

Recentemente, e’ stata pubblicata la raccolta di sei racconti da L’Erudita” Editrice: “Perché no? E altre storie” di Vanni Picecco. La raccolta spazia su più generi narrativi, ma un tratto che accomuna almeno i primi cinque racconti riguarda il caso, tanto spesso arbitro delle vicende di ognuno.

I racconti iniziali costituiscono una specie di trilogia che narra di un tradimento coniugale, e la vicenda viene raccontata seguendo di volta in volta il protagonista, uomo inadatto a gestire certe situazioni, la tentatrice che riemerge da un passato non  del tutto dimenticato, e da ultimo la moglie del protagonista, donna dotata di un certo intuito.

Nei successivi due racconti troviamo dapprima un affermato scrittore che uscirà da una prolungata crisi creativa al momento in cui incontrerà in maniera casuale la donna giusta, e successivamente un giovane professionista alle prese con il delicato fantasma di una ragazza che vuole venga conosciuta la storia un antico dramma.

Il racconto conclusivo, ambientato in due diversi momenti di un futuro allucinante,  è dedicato sia al degrado di Roma che alla satira politica. Con un linguaggio solo formalmente garbato il racconto prende di mira un certo tipo di politicanti, amorali, parolai ed inconcludenti e contiene anche degli impliciti riferimenti sia alla situazione di questo periodo che qualche fosca previsione su ciò che potrebbe prima o poi accadere. Il libro è dedicato a “quelli che prendono posizione” e, possa o non possa piacere, particolarmente in questo racconto certamente l’autore prende posizione.

Nei racconti le ambientazioni, le situazioni descritte e i ritmi narrativi cambiano rapidamente, con toni che vanno dall’introspezione fino alla graffiante ironia del racconto conclusivo. In certi momenti narrativi l’autore, magari senza rendersene conto, sembra volersi ispirare con buon successo ad alcuni illustri archetipi quali Pirandello e Woody Allen. In “Perché no?” di Vanni Picecco si aprono scorci originali, interessanti, ricchi di implicazioni politiche ed economiche, della vita nella sua complessità. La letteratura ci insegna ancora una volta a guardare alle cose dall’alto, con occhio ironico ma profondamente critico, capace di indagare gli aspetti meno ovvi del reale e trarre esilaranti, inaspettate conclusioni d’insieme. Una raccolta intensa, il regalo ideale da condividere con amici e parenti per un nuovo anno ricco di spunti di riflessione.

E’ disponibile in tutte le librerie d’Italia ed online su Amazon, pronto a soddisfare anche i lettori piu’ esigenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *