Nov
30th
left
right

Allenati come hai già avuto un attacco di cuore

Un nuovo protocollo di riabilitazione cardiaca

I medici usati per curare persone che avevano problemi di cuore – insufficienza cardiaca, infarto o qualsiasi tipo di malattia coronarica – con guanti di protezione, trattano i pazienti come se i loro cuori fossero estremamente fragili e l’esercizio intenso potrebbe causare un altro scoppio. “Avevamo la visione del recupero “Take it slow, don’t push too hard” (“Vacci piano, non spingere troppo”), afferma Andrew Keech, Ph.D., fisiologo presso l’Università del New South Wales a Sydney, in Australia. Ciò significava che un classico programma di riabilitazione cardiaca era un esercizio aerobico di intensità da bassa a moderata, in genere tre volte a settimana per otto settimane. Era sicuro e ragionevolmente efficace per rafforzare il cuore ed evitare problemi futuri come un altro attacco di cuore. Era anche così noioso che le persone in riabilitazione non si presentassero per i loro allenamenti cardio. Il ricercatore norvegese di cardiologia Ulrik Wisløff, Ph.D., ha avuto l’idea di alzare le cose di un livello. La quantità massima di ossigeno che il corpo può utilizzare durante l’esercizio fisico, ovvero la capacità aerobica massima o VO2 max, è il miglior predittore unico di decessi correlati al cuore. Quindi il suo team ha pensato che l’esercizio che aumenta il VO2 max potrebbe essere proprio quello di cui il medico e la persona hanno bisogno. E uno dei modi più intelligenti per aumentare il VO2 max è attraverso l’allenamento a intervalli ad alta intensità. Con HIIT, fai battere forte il tuo cuore, poi indietreggi e lo lasci recuperare, quindi vai di nuovo forte, raggiungendo intensità che l’approccio start-low-and-go-slow non potrebbe mai eguagliare. Il metodo di Wisløff ha funzionato. In uno studio fondamentale del 2007 sugli adulti in riabilitazione cardiaca, coloro che hanno seguito un programma HIIT tre volte alla settimana – hanno trascorso quattro minuti a un duro sforzo dal 90 al 95 percento, si sono ripresi per tre minuti, poi lo hanno ripetuto altre tre volte – hanno aumentato il loro VO2 max di tre volte superiore a quello di coloro che hanno camminato per circa 45 minuti con uno sforzo dal 70 al 75%. E la loro età media era di 75 anni. Quindi, se le persone sulla settantina con malattie cardiache possono farlo, puoi farlo anche tu, dice Keech. “I praticanti di ginnastica sani e più giovani dovrebbero provare HIIT nei loro programmi”, dice. “Ti rende più in forma aerobica rispetto alle sessioni di aerobiche lunghe, lente e continue.” Anche i riabilitati HIIT hanno rimodellato i loro cuori in un modo che puoi anche tu. Il loro ventricolo sinistro, la camera che riceve sangue ricco di ossigeno dai polmoni e lo pompa nel corpo, si è trasformato da rigido e inefficace a più forte e elastico, il che significa che può trattenere e spremere più sangue ad ogni battito. Gli utenti moderati non hanno visto miglioramenti nel rimodellamento. Il team di Keech ha pubblicato una ricerca nell’ottobre 2019 che ha scoperto che sei settimane di HIIT di riabilitazione cardiaca hanno anche abbassato altri fattori di rischio di malattie cardiache: ha abbassato la pressione sanguigna sistolica e ha ridotto il pericoloso grasso della pancia del 10%. Ed è stato divertente: le persone hanno apprezzato gli allenamenti e hanno visto un aumento dell’umore, il che significava che erano più propensi a mantenerlo. E così sei tu. Fai l’allenamento giusto per far funzionare il tuo cuore in modo più efficiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *